tessuti all'argento?

Questo Forum è dedicato alle esperienze e testimonianze personali sia positive che negative. Per rendere agevole la ricerca si consiglia di aprire il 3D con il nome della eventuale patologia trattata.

Moderatori: Admin, ANTONIO55

tessuti all'argento?

Messaggioda Bluluce » 06/03/2011, 17:23

Rimestando nella memoria con l'entusiasmo del neofita dell'argento colloidale, in questi giorni, mi è tornato in mente che molti anni fa entrai in possesso (gadget di una rivista!) di un paio di pedalini intessuti con argento e rame: se ne vantavano i pregi antisettici e anti-odore oltre che di promozione del benessere generale.
I calzerotti li ho ritrovati, ma non c'è alcuna marca e io non ricordo assolutamente quale fosse il loro nome.
In effetti il tessuto elastico è attraversato da tante striscioline alternate color argento e color rame. Si vede ad occhio nudo che lì c'è proprio un tessuto metallico!
Però come pedalini per me sono enormi, chissà se posso usarli in qualche altro modo?
Quindi mi piacerebbe sapere che ne pensate, se qualcuno di voi ha sperimentato effettivi benefici (quali?) del filato d'argento inserito nei tessuti, e se sapete dove si possono trovare capi d'abbigliamento/biancheria intessuti d'argento.
Le mie ricerche hanno dato come risultato finora soltanto questo sito di abb sportivo: http://www.valky.it/vetrina_valky.html
Prima di acquistare qui gli slip all'argento, vorrei sentire se conoscete altri siti del genere, anche all'estero.
E poi, avete idea di che marca possano essere i miei calzini argento/rame? Magari li producono ancora...
Grazie a tutti
Bluluce
Bluluce
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 02/03/2011, 16:25

Re: tessuti all'argento?

Messaggioda ANTONIO55 » 06/03/2011, 23:31

Ciao Bluluce,
ti segnalo qualche link a proposito dell’utilizzazione delle fibre d’argento.
Dopo una breve introduzione trovi i riferimenti ai siti e più giù inserisco uno stralcio dal libro del Biologo Tedesco Josef Pies.
Buona lettura
Antonio

Fantasmino con Fibra d'Argento

Il fantasmino TIMODORE® con Fibra d'Argento è una calza tecnologicamente avanzata che associa le ben note qualità traspiranti del cotone alla naturale azione antimicrobica dell'argento. Gli ioni rilasciati dalle fibre dell'argento si legano sulla cellula dei batteri e dei funghi e interferiscono sulla loro crescita prevenendo di conseguenza la formazione del cattivo odore.

http://www.ciccarelli.it/prodotti-timodore.php?prod=112


Calze con Fibra d’Argento

Le calze TIMODORE® con Fibra d’Argento sono tecnologicamente avanzate: associano le ben note qualità traspiranti del cotone alla naturale azione antimicrobica dell’argento. Gli ioni rilasciati dalle fibre dell’argento si legano sulla cellula dei batteri e dei funghi e interferiscono sulla loro crescita prevenendo di conseguenza la formazione del cattivo odore.
L’Argento ha le seguenti proprietà:
1. ANTIBATTERICO e ANTIMICOTICO: gli ioni rilasciati dalle fibre dell’argento, depositandosi sulla superficie di funghi e batteri, interferiscono sulla loro crescita e ne impediscono la replicazione;
2. ANTIODORE: contrasta la formazione dei cattivi odori;
3. TERMOREGOLATORE: consente una distribuzione omogenea del calore;
4. ANTISTATICO: possiede elevata conduttività e rapida dissipazione delle cariche elettrostatiche.

http://www.ciccarelli.it/prodotti-timodore.php?prod=122


Biancheria con fibra d'argento

Ioni d’argento contro i batteri

In medicina è conosciuta la proprietà antisettica degli ioni d’argento già da oltre cento anni e da allora viene impiegata nelle fasce per le ferite.

http://www.medimec.it/Inside.cfm?AREA=P ... D1468C8BBB


Estratto da "Uso terapeutico dell'Argento Colloidale. Prezioso antibiotico naturale", pp. 83-86, Josef Pies, Macro Edizioni.

Si continua a sostenere che l’argento colloidale non è interessante per l’industria farmaceutica dal momento che non è brevettabile. Questa affermazione non è del tutto esatta.
Proprio in questi ultimi anni vengono richiesti parecchi brevetti che si basano sull’argento colloidale o perlomeno lo includono nelle loro varie possibilità di applicazione. Ecco allora che fra i detentori di brevetti si trovano per esempio tutti i produttori di pellicole a colori, ma i brevetti comprendono anche vernici antistatiche, disinfettanti e metodi di disinfezione, prodotti per l’emodialisi, prodotti per la ricrescita dei capelli, rivestimenti per superfici, prodotti per l’igiene orale, generatori di argento, apparecchi per depurare l’acqua, metodi per conservare sperma, cellule uovo ed embrioni nell’ambito della fecondazione artificiale degli animali, come pure gomme da masticare e pastiglie per smettere di fumare [Parker e Parker, 2003]. Questo capitolo è dedicato alle novità più importanti degli ultimi anni.
Quando nel 1998 è uscita la prima edizione di Uso terapeutico dell’argento colloidale - Prezioso antibiotico naturale, in Germania non esistevano generatori per produrre questa sostanza e non c’era neppure la possibilità di acquistare il prodotto finito. Di conseguenza all’epoca anche le esperienze con l’argento colloidale erano pochissime, ma nel frattempo la situazione è notevolmente cambiata.
Sono sempre più numerosi i naturopati (e anche i privati) che usano l’argento colloidale e parecchie aziende si sono affermate grazie a idee commerciali “argentate”. Questi prodotti di ultima generazione utilizzano in parte l’argento colloidale, ma anche il nanoargento elementare e gli ioni argento.
Un principio valido si sta quindi affermando e il fattore positivo di questo sviluppo è che queste novità vengono suffragate da studi adeguati agli standard scientifici attuali, comprovando così nel contempo anche le esperienze fatte finora. Può dunque succedere che perfino uno scienziato scettico constati con sorpresa «quanto sono convincenti i risultati».

Abbigliamento in fibra d’argento fornito dalla mutua

Nella dieta di Worms del 1495 l’imperatore Massimiliano stabilì che solo principi e sovrani avevano il diritto di indossare tessuti d’oro e d’argento, un espediente per rafforzare anche esteriormente le barriere fra le classi. Oggi i tessuti d’argento hanno un significato completamente diverso e sono accessibili a tutti; in certi casi vengono addirittura passati dalla mutua, per la precisione a chi è affetto da neurodermatite.
La neurodermatite e l’eczema atopico (le due definizioni vengono usate in maniera intercambiabile) si contraddistinguono soprattutto per delle alterazioni cutanee che, oltre a provocare desquamazione e prurito, tendono a dare origine a infezioni batteriche (spesso Staphylococcus aureus). In molti casi si ricorre a un trattamento a base di pomate al cortisone, che però a lungo termine sarebbe più opportuno evitare. Fino ad oggi non è possibile guarire da queste malattie e perfino indossare vestiti può risultare problematico, per questo chi ne è affetto continua ad aggrapparsi al classico filo di paglia. Spesso la delusione non si fa attendere a lungo, ma di tanto in tanto si può avere un colpo di fortuna.
Già trent’anni fa sono stati progettati dei tessuti di nylon rivestiti in argento per la medicazione delle ferite. Da poco tempo si trovano in commercio perfino dei tessuti speciali (per abiti e lenzuola) con vari rivestimenti in argento allo scopo di attenuare i disturbi prodotti dalla neurodermatite e dal piede diabetico. Tramite un procedimento particolare le particelle di argento vengono fissate così saldamente nelle microfibre del tessuto da poter resistere anche ai lavaggi frequenti. L’efficacia di questa biancheria a base di fibre d’argento è confermata anche da numerose testimonianze, dall’esplicita raccomandazione del Bundesverband Neurodermitikskranker in Deutschland e.V. [N.d.T.: Associazione federale dei malati di neurodermatite, cfr.http://www.neurodermitis.net] e da vari studi scientifici [Abeck e Ring, 2002; Gauger et al., 2003; Wulf e Moll, 2004].
Il 2 febbraio 2004 la rivista ZDF Mittagsmagazin ha presentato l’impressionante caso di un bambino affetto da neurodermatite e dei suoi genitori che ora, grazie alle lenzuola in fibra d’argento, possono finalmente dormire tutta la notte.

Testimonianza: una donna soffriva di neurodermatite da quasi sessant’anni. Da quando usa biancheria a base di fibre d’argento il prurito, le parti umide, le croste e la formazione di squame sono notevolmente diminuiti. La paziente sostiene che solo le lenzuola in fibra d’argento le consentono di dormire tutta la notte senza sentire prurito.

Sotto la direzione del prof. Abeck, un dermatologo di Monaco, sono stati testati abiti in fibra d’argento su bambini affetti da eczema atopico, riscontrando «una riduzione molto significativa del numero di batteri di Staphylococcus aureus», nonché un miglioramento del quadro clinico. Nel loro manuale [2002] Abeck e Ring scrivono: «È stato possibile dimostrare l’effetto antimicrobico, diretto anche contro lo Staphylococcus aureus e che non viene compromesso neppure dai ripetuti lavaggi, ragion per cui questi tessuti creano una combinazione di qualità barriera protettive e antimicrobiche». Gli autori confermano inoltre che «da alcune ricerche questi tessuti risultano estremamente confortevoli da indossare». L’effetto ha inizio dopo due giorni e curiosamente si protrae per altri sette dal termine dell’esperimento. Secondo i produttori, grazie agli abiti in fibra d’argento è perfino possibile ridurre l’uso di cortisone.
Nel frattempo ci sono offerte speciali di biancheria a base di fibre d’argento, simile alla seta e altrettanto delicata, ma decisamente costosa per via del contenuto di argento, superiore al 20 percento.
Bisogna però aggiungere che sono sempre più numerose le aziende sanitarie che si assumono volontariamente i costi, coprendoli del tutto per i bambini e parzialmente per gli
adulti. Prima dell’acquisto occorre tuttavia soddisfare alcune formalità (ricetta, richiesta da presentare all’azienda sanitaria ecc.). In Germania ci si aspetta che questi articoli vengano inseriti quanto prima nel repertorio degli ausili della GVK, l’Assicurazione sanitaria pubblica. Fino ad allora le ditte produttrici sono disponibili a fornire aiuto per la presentazione delle richieste (informazioni reperibili presso la casa editrice VAK, cfr. “Per concludere”).

Sogni d’argento

L’azione dei tessuti di argento e cotone, volta al riequilibrio del potenziale energetico, illustra un altro principio: un materasso di lana vergine in cui sono inseriti dei fili d’argento dovrebbe esercitare un’azione antibatterica e garantire un sonno rigeneratore(rigenerazione attraverso la risonanza con l’argento). Questo sistema è disponibile in commercio con o senza biomagneti. Tra l’altro i tessuti in fibra di argento hanno il vantaggio di uccidere i batteri responsabili dei cattivi odori e sono perciò indicati anche per le calze.

http://www.macrolibrarsi.it/libri/__uso ... hp?pn=1609
Avatar utente
ANTONIO55
 
Messaggi: 687
Iscritto il: 16/06/2010, 14:13
Località: Roma

Re: tessuti all'argento?

Messaggioda Bluluce » 07/03/2011, 10:50

Antonio,
grazie per la risposta, sei sempre solerte!
Sì, è stato proprio leggendo il libro di Pies che mi è venuto in mente di cercare tessuti/capi d'abbigliamento/applicazioni varie dell'argento.
Lì si parla anche di biancheria da letto, ma purtroppo sempre in riferimento alla Germania.
A quanto pare in Italia è difficile trovare queste meraviglie. Anche il sito medimec che mi segnali non ha vendita diretta.
Il bello dei pedalini che ho io è che oltre all'argento c'è anche il rame!
Mi piacerebbe ritrovare chi li produceva - direi sette/otto anni fa, perché dev'essere qualcuno molto illuminato, non trovi?
L'unica cosa che si trova con facilità è lo spazzolino da denti con la base in argento.
Nell'attesa che mi arrivi l'ACI Laser che ho ordinato, sto usando la testina dello spazzolino nell'acqua dei lavaggi personali e di frutta e verdura - che mi dici, funziona :D :?:
Bluluce
Bluluce
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 02/03/2011, 16:25

Re: tessuti all'argento?

Messaggioda ANTONIO55 » 07/03/2011, 14:01

Bluluce ha scritto:Antonio,
grazie per la risposta, sei sempre solerte!
Sì, è stato proprio leggendo il libro di Pies che mi è venuto in mente di cercare tessuti/capi d'abbigliamento/applicazioni varie dell'argento.
Lì si parla anche di biancheria da letto, ma purtroppo sempre in riferimento alla Germania.
A quanto pare in Italia è difficile trovare queste meraviglie. Anche il sito medimec che mi segnali non ha vendita diretta.
Il bello dei pedalini che ho io è che oltre all'argento c'è anche il rame!
Mi piacerebbe ritrovare chi li produceva - direi sette/otto anni fa, perché dev'essere qualcuno molto illuminato, non trovi?
L'unica cosa che si trova con facilità è lo spazzolino da denti con la base in argento.
Nell'attesa che mi arrivi l'ACI Laser che ho ordinato, sto usando la testina dello spazzolino nell'acqua dei lavaggi personali e di frutta e verdura - che mi dici, funziona :D :?:
Bluluce

Ciao Bluluce,
l'abbinamento dell'argento con il rame non fa che aumentare la capacita antimicrobica dei due elementi.
Ti ricordi il braccialetto di rame che andava di moda diversi anni fa?
I profani non conoscendo il principio di rilascio di ioni rame da parte del braccialetto lo ritenevano una credenza per i gonzi.
Sullo stesso principio funziona anche il cerchio di rame che molti inseriscono nei sottovasi per evitare il proliferare delle zanzare.
In quel caso gli ioni distruggono le uova depositate nell'acqua del sottovaso.
I ricercatori hanno accertato da diverso tempo tra le proprietà del Rame anche le sue capacità distruttive nei confronti delle forme microbiche vegetali, ossia lieviti e funghi.
In molti ospedali stanno sperimentando la sostituzione di tutte le parti metalliche degli oggetti con il rame e hanno riscontrato una riduzione delle infezioni incredibile.

M. Crespi: “Il tubo di rame contro la legionella”, GT-Il Giornale del Termoidraulico, n. 3-2004”.
http://www.iir.it/newslett/Rame%20per%2 ... pedali.pdf

M. Crespi: “Batteriostaticità. Il rame in ospedale”, Tecnica Ospedaliera, n. 8-2007.
http://www.iir.it/attivita/pdf/articoli ... onella.pdf

La lamina montata sulla testa dello spazzolino è sufficiente per produrre la sterilizzazione dello spazzolino stesso.
Non credo possa essere usato per altri scopi.
So di alcuni amici che utilizzano le monete d'argento americane o lamine di argento per sterilizzare l'acqua.
Ovviamente più le lamine sono grandi maggiore è l'afficacia antibatterica.
In Croazia ho visto in azione una doccia per bagno con incorporato un filtro a carboni per abbattere il cloro dall'acqua ed una paglietta d'argento (come quella per pulire le pentole) per produrre ioni argento antibatterici.
Leggi l'articolo a proposito di quanti batteri si formano nella cipolla della doccia.
http://www.farman.it/news.asp?id=312&ti ... ai_batteri.
Ciao
Antonio
Avatar utente
ANTONIO55
 
Messaggi: 687
Iscritto il: 16/06/2010, 14:13
Località: Roma

Re: tessuti all'argento?

Messaggioda al fr » 07/03/2011, 16:10

molto interessante! grazie antonio.
se hai altri siti con informazioni su come viene usato l'argento colloidale, faccelo sapere. grazie ancora.
l'unica cosa che vorrei chederti visto che ho letto la tua risposta ad un utente con problema emorroidi è la seguente:
se l'argento è un antibiotico come fa a guarire le emorroidi che non mi risulta siano causate da batteri o virus. scusa la mia ignoranza!
ciao
al fr
 
Messaggi: 32
Iscritto il: 21/02/2011, 17:06

Re: tessuti all'argento?

Messaggioda ANTONIO55 » 07/03/2011, 21:30

al fr ha scritto:molto interessante! grazie antonio.
se hai altri siti con informazioni su come viene usato l'argento colloidale, faccelo sapere. grazie ancora.
l'unica cosa che vorrei chederti visto che ho letto la tua risposta ad un utente con problema emorroidi è la seguente:
se l'argento è un antibiotico come fa a guarire le emorroidi che non mi risulta siano causate da batteri o virus. scusa la mia ignoranza!
ciao

Ciao Al Fr
Le cause delle emorroidi sono da ascrivere all’aumento della pressione dei vasi sanguigni del retto e dell’ano dovute di solito a stipsi, sforzi continui (tipica dei facchini) o gravidanze.
Dal momento in cui si instaura il processo infiammatorio che non è dovuto a batteri, e cominciano le rotture dei vasi sanguigni, iniziano (quasi sempre) infezioni che si riesce a tenere sotto controllo con l'Aci.
Spesso dopo ripetuti sanguinamenti compare prurito anale (ragadi) dovuto ad infezioni batteriche della parte soggetta a sfregamento durante l’evacuazione.
E l’esperienza ha dimostrato che l’argento colloidale ha una sua efficacia a volte notevole nella risoluzione dei problemi entro un certo grado di gravità. Oltre solo il chirurgo può intervenire per risolvere il problema.
Antonio
Avatar utente
ANTONIO55
 
Messaggi: 687
Iscritto il: 16/06/2010, 14:13
Località: Roma

Re: tessuti all'argento?

Messaggioda Pol » 16/05/2011, 23:45

Ciao a tutti..mi sono imbattuto in questo forum in quanto anche io sono interessato alle proprietà dell'argento applicate ai tessuti.
Vorrei portare anche io la mia esperienza positiva in merito all'utilizzo di tessuti in fibra d'argento. In particolare ho acquistato della biancheria per la casa: federe, lenzuola e spugne per il bagno in fibra d'argento prodotti dall'azienda che potete trovare a questo link:
http://www.tessutoantibatterico.it/
Devo dire che sono rimasto estremamente soddisfatto delle proprietà anti-odore ed antibatteriche di questi tessuti. Mi piace il fatto che sia un prodotto naturale, che non puzza assolutamente quando il tessuto è umido ed inoltre è un ottimo rimedio contro le allergie agli acari. Inoltre anche dopo svariati lavaggi le proprietà dell'argento durano nel tempo e continuano a dare soddisfazioni. Ormai dormo su federe e lenzuola in fibra d'argento regolarmente ed utilizzo le spugne per la palestra e per il bagno fatte di questo materiale, mi trovo troppo bene.
Spero di essere stato di aiuto a Bluluce che non trova la biancheria per la casa in fibra d'argento in Italia! ora una testimonianza ce l'hai!
Pol
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 16/05/2011, 23:12

Re: tessuti all'argento?

Messaggioda Bluluce » 30/07/2011, 11:24

grazie, Pol,
Sai anche se si può acquistare direttamente dall'azienda?
Bluluce
Bluluce
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 02/03/2011, 16:25

Re: tessuti all'argento?

Messaggioda Pol » 30/08/2011, 22:52

Ciao
sì è possibile direttamente da loro in due modi. Se sei della zona provincia di Varese c'è un punto vendita aziendale.
Se non sei di quella zona contattali direttamente via telefono o mail, trovi tutto sul link che avevo postato (http://www.tessutoantibatterico.it/, clicca pure su "contattaci per acquistare questo prodotto")
Spero di essere stato utile!
Fammi sapere poi come ti trovi!
Pol
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 16/05/2011, 23:12

Re: tessuti all'argento?

Messaggioda sabrina1978 » 09/12/2011, 1:51

confermo quanto scritto da Pol. I tessuti in fibra d'argento di quell'azienda li conosco perché io ho provato una t-shirt fatta con la stessa materia prima che uso per andare in palestra ed effettivamente sviluppa meno cattivi odori rispetto alle solite in cotone... all'inizio l'avevo comprata a mio marito a scopo terapeutico perché soffre di problemi alla pelle, poi dove l'ho comprata (http://www.arise.it/abbigliamento/prodotti/) mi hanno detto che questi tessuti agli ioni d'argento hanno anche la capacità di inibire la formazione di cattivi odori e visto che anche i fantasmini della timodore ce l'hanno, mi sono convinta e l'ho comprata... beh devo dire che funziona davvero!
sabrina1978
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 09/12/2011, 1:42


Torna a Esperienze e Testimonianze sull'impiego dell'Argento Colloidale Ionico

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron