Esperienza con ulcera infetta

Questo Forum è dedicato alle esperienze e testimonianze personali sia positive che negative. Per rendere agevole la ricerca si consiglia di aprire il 3D con il nome della eventuale patologia trattata.

Moderatori: Admin, ANTONIO55

Esperienza con ulcera infetta

Messaggioda iperbarico » 13/01/2011, 18:34

Tre settimane fà ho visto per la prima volta una paziente con una lesione alla gamba dx, lesione superficiale secernente e probabilmente infetta da pseudomonas aeruginosa.
Medicata a giorni alterni con irrigazioni di soluzione salina sterile e copertura con schiuma di poliuretano.
Alla terza medicazione, non avendo ottenuto grossi risultati, propongo es. colturale ed antibiogramma, nel frattempo nella stessa zona si è aperta una lesione profonda ascessuata e purulenta con colliquazione dei tessuti molli per una profondità di circa 4 cm.
Continuo con le stesse medicazioni per altri quattro giorni; nessun risultato.
Esito es colturale positivo a pseudomonas aeruginosa sensibile alla ciprofloxacina, che il medico curante consiglia.
A questo punto la svolta.
Dopo due giorni medico la paz. e trovo un notevole miglioramento come mai mi fosse capitato (vi assicuro che di casi del genere ne ho trattati a centinaia), e chiedo ai parenti se stesse assumendo l'antibiotico prescrittogli dal medico, mi rispondono che per le condizioni generali hanno preferito non somministrare l'antibiotico ma di somministrare ACI (preparato con elettrolisi) per aerosol ultrasonico.
Quì nasce il mio interesse e la ricerca sull'ACI.
Mi chiedo:
Perchè non si producono più generatori di ACI elettrolitico in italia che si è costretti ad acquistarne di meno efficaci all'estero?
E' per un'interesse di mercato, o ci sarà forse la possibilità di acquistare generatori ACI laser in un prossimo futuro?
Qualcuno è in grado di segnalarmi se i generatori elettrolitici della TecnoSalute sono in vendita da qualche parte?
Grazie
iperbarico
 
Messaggi: 5
Iscritto il: 12/01/2011, 18:33

Re: Esperienza con ulcera infetta

Messaggioda ANTONIO55 » 14/01/2011, 14:32

Ciao Iperbarico,
se la tua paziente oltre ad aver assunto Aci per via orale, avesse fatto anche applicazioni locali con Aci mischiato a gel di Aloe avrebbe ottenuto risultati fin dal primo giorno.
Il Dr. Becker negli anni 70 iniziò una ricerca innovativa alla Syracuse University Medical volendo dimostrare la sua teoria che piccole micro-correnti di energia elettrica potevano essere utilizzate per guarire le fratture ossee infette. E durante il corso dei suoi esperimenti, egli ha iniziato a utilizzare elettrodi d'argento, al fine di sfruttare la propensione nota dell’argento di condurre elettricità. Ma ciò che ha scoperto in quegli anni è straordinario, infatti le micro-correnti di energia elettrica innescarono la guarigione nelle fratture delle ossa, proprio come aveva previsto, ma le particelle di argento elettricamente generate che furono inserite dentro l'osso e il tessuto circostante agli elettrodi d'argento guarirono le infezioni anche nelle vicinanze. Anche infezioni rare e potenzialmente mortali come l'osteomielite sono state rapidamente guarite. L'argento a contatto con il siero delle ferite rilascia ioni-argento che sono altrettanto germicidi, ma senza indurre antibiotico-resistenza come fanno tutti gli altri antibiotici tradizionali.
I generatori professionali li produce solo una Ditta in Italia (la Tecnosalute) che però per il momento si sta dedicando a ricerche pittosto importanti. Non ci sono in vendita suoi generatori presso altri rivenditori.
Il resto che si trova in giro non è che sia un granchè.
I generatori al Laser hanno costi proibitivi per i comuni mortali poichè solo il propulsore che viene utilizzato per vaporizzare l'argento (sarebbe meglio utilizzare il termine "sublimare") e immetterlo nell'acqua distillata è lo stesso che adoperano le grosse industrie siderurgiche per tagliare i metalli. La parte elettronica non è particolarmente costosa ma ovviamente il costo totale del generatore Laser è astronomico e penso che nessuno sarà in grado per i prossimi dieci anni di ottenere lo stesso risultato che ottiene la Tecnosalute nella produzione dell'Ac Laser.
Tieni presente che i normali generatori elettrolitici non riescono ad andare oltre la densità di 15 ppm senza degradare il prodotto finale.
Con il metodo Laser si arriva tranquillamente oltre 1000 ppm mantenendo il prodotto perfettamente trasparente e con una capacità antimicrobica incredibile.
Ci sono diversi germi che resistono anche nelle miniere d'argento per cui con le basse densità gli facciamo il solletico.... eppure con l'Ac Laser quei mostriciattoli vengono eliminati senza problemi.
Per il momento quindi possiamo solo acquistare l'Ac Laser dall'unico produttore almeno in Italia (ma credo anche all'estero).
Antonio
Avatar utente
ANTONIO55
 
Messaggi: 687
Iscritto il: 16/06/2010, 14:13
Località: Roma

Re: Esperienza con ulcera infetta

Messaggioda Tony » 14/01/2011, 23:13

Ciao Antonio, innanzi tutto ti faccio i miei complimenti per il sito ed il forum che hai allestito in merito all'ACI. Sei riuscito, grazie alle tue esperienze e conoscenze personali, ad "assemblare" informazioni corrette e attendibili, hai fatto un po di chiarezza in questo campo, sopratutto ci tieni aggiornati in merito alle nuove possibilità che il Laser offre in questo campo, Guido Ferioli deve sicuramente essertene grato. L' ideale sarebbe potere costruire un "minilaser" per produrre ACI di maggiore qualità e ad un prezzo più abbordabile, ma forse chiedo troppo, non si sa mai. Ho acquistato un flacone da 50cc di ACI laser a 100pm , tu lo conosci? Nel bigliettino delle "istruzioni per l'uso" si legge:" Il prodotto teme la luce, l'alta temperatura ed i campi magnetici ecc.." sulla confezione vi è il nome di G. Ferioli ed il marchio di Tecnosalute. Il colore ed il sapore è identico a quello da me prodotto intorno a 15pm, con l'ultimo apparecchio di Guido Ferioli (il minicubo).
Ciao Antonio.
Tony
Tony
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 22/07/2010, 21:10

Re: Esperienza con ulcera infetta

Messaggioda ANTONIO55 » 14/01/2011, 23:56

Tony ha scritto:Ciao Antonio, innanzi tutto ti faccio i miei complimenti per il sito ed il forum che hai allestito in merito all'ACI. Sei riuscito, grazie alle tue esperienze e conoscenze personali, ad "assemblare" informazioni corrette e attendibili, hai fatto un po di chiarezza in questo campo, sopratutto ci tieni aggiornati in merito alle nuove possibilità che il Laser offre in questo campo, Guido Ferioli deve sicuramente essertene grato. L' ideale sarebbe potere costruire un "minilaser" per produrre ACI di maggiore qualità e ad un prezzo più abbordabile, ma forse chiedo troppo, non si sa mai. Ho acquistato un flacone da 50cc di ACI laser a 100pm Nel bigliettino delle "istruzioni per l'uso" si legge:" Il prodotto teme la luce, l'alta temperatura ed i campi magnetici ecc.." sulla confezione viè il nome di G. Ferioli ed il marchio di Tecnosalute. Il colore ed il sapore è identico a quello da me prodotto intorno a 15pm, con l'ultimo apparecchio di Guido Ferioli (il minicubo).
Ciao Antonio.
Tony

Ciao Tony,
grazie per il tuo l'apprezzamento sul sito.
Conosco il rivenditore da te citato.
Nel bugiardino delle istruzioni c'è scritto che teme la luce, l'alta temperatura ed i campi magnetici, ma ti assicuro che sono indicazioni dovute per legge perchè altrimenti la certificazione del prodotto avrebbe richiesto anni e carteggi molto più consistenti, mentre le caratteristiche dell'Ac Laser sono molto diverse da quelle dell'Aci elettrolitico.
Non c'è alcun degrado all'esposizione della luce, della temperatura e dei campi magnetici.
Inoltre neanche a contatto con i metalli (cosa importante per chi ha amalgame in bocca) subisce alcun degrado ambientale.
Ovviamente il sapore ed il colore di ottimi prodotti come quelli di Guido Ferioli non possono essere che identici (sia l'Ac Laser che quello elettrolitico prodotto da generatori della Tecnosalute).
Chi conosce Guido sa con quanto impegno e passione si è dedicato negli ultimi dieci anni alla sperimentazione prima e alla produzione poi di apparecchiature professionali uniche nel loro genere.
Purtroppo per la costruzione di un generatore mini Laser ti debbo deludere poichè il propulsore Laser utilizzato dalla Tecnosalute come già scritto nel mio post precedente ha un costo proibitivo. Non stiamo parlando dei Laser giocattolo che vendono su Internet ma di apparecchi con una tecnologia non alla portata di tutti.
Antonio
Avatar utente
ANTONIO55
 
Messaggi: 687
Iscritto il: 16/06/2010, 14:13
Località: Roma

Re: Esperienza con ulcera infetta

Messaggioda Tony » 15/01/2011, 8:46

Grazie per le precisazioni, immaginavo che il "bugiardino fosse un poco bugiardo". In merito al mini laser, era solo una flebile speranza. Buon lavoro.
Tony
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 22/07/2010, 21:10

Re: Esperienza con ulcera infetta

Messaggioda debby » 05/04/2013, 10:33

Buon giorno. mi sono imbattuta casualmente in qusta discussione mentre ero alla ricerca di informazioni riguardanti l'argento colloidale.
mia mamma è affetta da un una malattia della pelle che le procura spesso delle profonde ulcere. nella maggior parte dei casi queste ulcere si riescono a richiudere abbastanza velocemente con le cure del medico specialista che la segue. purtroppo una di queste lesioni sembra non rispondere a nulla. è infetta e produce fibrina in eccesso tende ad allargarsi e l'infezione le causa spesso la febbre. viene sottoposta a cicli di antibiotici ma servono solo ad abbassare la carica batterica non le tolgono mai definitivamente l'infezione così quando ho sentito parlare dell ACI ho pensato che potrebbe essere una soluzione ma vorrei avere un parere su come usarlo: è meglio l'assunzione orale o l'applicazione sulla lesione? grazie dell'attenzione
debby
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 05/04/2013, 10:23

Re: Esperienza con ulcera infetta

Messaggioda ANTONIO55 » 06/04/2013, 18:34

debby ha scritto:Buon giorno. mi sono imbattuta casualmente in qusta discussione mentre ero alla ricerca di informazioni riguardanti l'argento colloidale.
mia mamma è affetta da un una malattia della pelle che le procura spesso delle profonde ulcere. nella maggior parte dei casi queste ulcere si riescono a richiudere abbastanza velocemente con le cure del medico specialista che la segue. purtroppo una di queste lesioni sembra non rispondere a nulla. è infetta e produce fibrina in eccesso tende ad allargarsi e l'infezione le causa spesso la febbre. viene sottoposta a cicli di antibiotici ma servono solo ad abbassare la carica batterica non le tolgono mai definitivamente l'infezione così quando ho sentito parlare dell ACI ho pensato che potrebbe essere una soluzione ma vorrei avere un parere su come usarlo: è meglio l'assunzione orale o l'applicazione sulla lesione? grazie dell'attenzione

E' sicuramente utile provare direttamente sulla parte malata per vedere se c'è qualche miglioramento per poi passare anche all'assunzione orale.
So di una guarigione straordinaria di un Lupus Eritematoso trattato con Aci nella forma di Idrogel.
Il Ferioli è sicuramente informato su trattamenti efficaci per quel batterio.
Si può contattare al suo account: info@argento-colloidale.info
Antonio
Avatar utente
ANTONIO55
 
Messaggi: 687
Iscritto il: 16/06/2010, 14:13
Località: Roma


Torna a Esperienze e Testimonianze sull'impiego dell'Argento Colloidale Ionico

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron