Pagina 2 di 3

Re: Esperienze di Antonio55

MessaggioInviato: 11/04/2011, 9:08
da ANTONIO55
Ciao Fabrizio,
gli effetti collaterali si dovrebbero attenuare, altrimenti potrebbero essere causati da altro e non dall'Aci, ma visto che stai ottenendo risultati che di solito arrivano dopo un po' più di tempo, continua così e facci sapere ogni ulteriore miglioramento.
Antonio

Re: Esperienze di Antonio55

MessaggioInviato: 17/04/2011, 20:15
da fp67
ciao,
ho fatto delle analisi e dal tampone sono risultato positivo alla Clamidia Trachomatis esattamente come 2 anni fà
allora mi curai con antibiotici e da lì iniziò la il mio calvario
hai qualche suggerimento sulla cura utilizzando l'ACI?
Grazie
Fabrizio

Re: Esperienze di Antonio55

MessaggioInviato: 18/04/2011, 9:29
da ANTONIO55
Ciao Fabrizio,
puoi solo provare ad aumentare le assunzioni con la stessa quantità di Aci (30 ml).
Probabilmente in concomitanza con l'assunzione dell'Aci per la prostatite si è ripresentata anche la Clamidia che è quella che ti da quei disturbi.
Antonio

Re: Esperienze di Antonio55

MessaggioInviato: 16/03/2012, 11:27
da Ale76
Molto interessante, caro Antonio, questo tuo elenco e' entusiasmante!

Carie: sciacqui tutti i giorni - 30/40 ml

Cioe', ho capito bene, hai proprio RISOLTO il problema della carie?

Cornea lacerata e infiammata da pomate cortisoniche: 5 giorni - 3 gocce 3 volte al dì.

Questo devo proprio farlo, io ho la cornea dell'occhio sinistro con gravissimi problemi. Per ora stavo mettendo una goccia di tanto in tanto direttamente nell'occhio. Ho letto anche la tecnica di Silver con gli occhialini da sub. Avevo pensato di usare quella specie di tappi che escono con la bottiglia di acido borico, quelle per fare i lavaggi oculari..... Ho notato che quando metto una goccia di aci nell'occhio, non diluita, all'inizio e' come se mettessi della sabbia nell'occhio. Dura solo qualche secondo e poi passa. Forse significa che ci sono troppi sali nell'aci che produco io?


Emorroidi: pochi giorni con tamponi di garza imbevuta - 3/4 volte al dì.

Devo assolutamente dirlo ad un mio amico in Italia, ne soffre di brutto!!

Re: Esperienze di Antonio55

MessaggioInviato: 16/03/2012, 13:50
da ANTONIO55
Ale76 ha scritto:Molto interessante, caro Antonio, questo tuo elenco e' entusiasmante!

Carie: sciacqui tutti i giorni - 30/40 ml

Cioe', ho capito bene, hai proprio RISOLTO il problema della carie?

Cornea lacerata e infiammata da pomate cortisoniche: 5 giorni - 3 gocce 3 volte al dì.

Questo devo proprio farlo, io ho la cornea dell'occhio sinistro con gravissimi problemi. Per ora stavo mettendo una goccia di tanto in tanto direttamente nell'occhio. Ho letto anche la tecnica di Silver con gli occhialini da sub. Avevo pensato di usare quella specie di tappi che escono con la bottiglia di acido borico, quelle per fare i lavaggi oculari..... Ho notato che quando metto una goccia di aci nell'occhio, non diluita, all'inizio e' come se mettessi della sabbia nell'occhio. Dura solo qualche secondo e poi passa. Forse significa che ci sono troppi sali nell'aci che produco io?

Emorroidi: pochi giorni con tamponi di garza imbevuta - 3/4 volte al dì.

Devo assolutamente dirlo ad un mio amico in Italia, ne soffre di brutto!!


Quelle testimonianze che hai letto non sono solo mie ma anche di parenti, amici e colleghi d'ufficio.
Per la carie c'è anche il metodo del Dr. Gilberto Ruffini sul Forum dell'Arpc: http://www.aerrepici.org/forum/topic.as ... hichpage=1 da leggere soprattutto i post del Dr. Gilberto e del figlio Paolo.
L'Aci quando viene instillato nell'occhio da quasi sempre fastidio. E comunque va messo sempre puro, perchè se lo diluisci (specie con acqua di rubinetto) l'efficacia dell'Aci si attenua.
Sta tranquillo se l'acqua è pura non si possono formare sali.
Antonio

Re: Esperienze di Antonio55

MessaggioInviato: 16/03/2012, 14:04
da Ale76
Per la carie c'è anche il metodo del Dr. Gilberto Ruffini sul Forum dell'Arpc: http://www.aerrepici.org/forum/topic.as ... hichpage=1 da leggere soprattutto i post del Dr. Gilberto e del figlio Paolo.
Si, conosco il metodo Ruffini, lo avevo provato per i funghi della pelle ed avevo ottenuto un ottimo risultato, ma poi il mio entusiasmo e' stato frenato dal ritorno degli stessi. Stessa cosa con il tea tree oil. Invece ora ho usato l'aci e sembrerebbe (tocchiamo ferro!) che non stiano tornando! Comunque era solo una curiosita', giusto per sapere le infinite applicazioni di questo straordinario prodotto, per fortuna non ho nessuna carie. E pensi che sia utile anche per il tartaro e magari sostituire la pulizia dei denti che si fa periodicamente dal dentista?

L'Aci quando viene instillato nell'occhio da quasi sempre fastidio.

Ottimo, pensavo fosse solo una mia impressione e che magari era scadente l'aci che produco io.

E comunque va messo sempre puro, perchè se lo diluisci (specie con acqua di rubinetto) l'efficacia dell'Aci si attenua.

Forse avro' capito male allora, perche' leggendo quella prova degli occhialini da sub avevo letto che ne andavano diluite solo alcune gocce in acqua o altro.
Antonio, se mi dai qualche dettaglio in piu' sugli esiti della cura della cornea e i risultati che avete ottenuto, mi fai un grosso favore, visto che io ho problemi molto molto seri all'occhio sinistro da circa 11 anni. Magari dopo ti mando una mail e ti spiego bene il tutto, ti dico tutte le varie cose che ho, chissa' che tu non possa aiutarmi! :P

Re: Esperienze di Antonio55

MessaggioInviato: 16/03/2012, 14:47
da ANTONIO55
Facendo sciacqui quotidiani (dopo la pulizia con dentifrici privi di Fluoro) con l'Aci si può tenere sotto controllo la proliferazione dello Streptococco Mutans che è il responsabile principale della carie. Non credo possa evitare la pulizia dal dentista anche se il tartaro dovrebbe formarsene di meno con l'uso dell'Aci.
L'Ac utilizzato con il metodo degli occhialini è un nuovo prodotto di Guido Ferioli e va diluito come hai letto sul Forum, ma non è Aci elettrolitico e ne basta una goccia per avere efficacia.
Per quanto riguarda l'episodio che ho citato nelle mie esperienze è abbastanza semplice: la lacerazione provocata dal bimbo della mia figlioccia è guarita in poco tempo con semplici instillazioni di Aci più volte nella giornata.
Qui puoi leggere la mia testimonianza : http://win.spumiglia.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=1048
Antonio

Re: Esperienze di Antonio55

MessaggioInviato: 16/03/2012, 16:04
da Ale76
Facendo sciacqui quotidiani (dopo la pulizia con dentifrici privi di Fluoro) con l'Aci si può tenere sotto controllo la proliferazione dello Streptococco Mutans che è il responsabile principale della carie. Non credo possa evitare la pulizia dal dentista anche se il tartaro dovrebbe formarsene di meno con l'uso dell'Aci.

Si', questo lo sto facendo ogni giorno, e mi sa che di tanto in tanto mettero' anche la testina dello spazzolino (uso quello elettrico) nell'aci per un po' di ore. O bastano i fatidici 6 minuti?

L'Ac utilizzato con il metodo degli occhialini è un nuovo prodotto di Guido Ferioli e va diluito come hai letto sul Forum, ma non è Aci elettrolitico e ne basta una goccia per avere efficacia.

Ah, ecco.

Per quanto riguarda l'episodio che ho citato nelle mie esperienze è abbastanza semplice: la lacerazione provocata dal bimbo della mia figlioccia è guarita in poco tempo con semplici instillazioni di Aci più volte nella giornata.
Qui puoi leggere la mia testimonianza : http://win.spumiglia.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=1048

Molto, molto interessante!

Re: Esperienze di Antonio55

MessaggioInviato: 16/03/2012, 20:55
da ANTONIO55
Ale76 ha scritto:
Facendo sciacqui quotidiani (dopo la pulizia con dentifrici privi di Fluoro) con l'Aci si può tenere sotto controllo la proliferazione dello Streptococco Mutans che è il responsabile principale della carie. Non credo possa evitare la pulizia dal dentista anche se il tartaro dovrebbe formarsene di meno con l'uso dell'Aci.

Si', questo lo sto facendo ogni giorno, e mi sa che di tanto in tanto mettero' anche la testina dello spazzolino (uso quello elettrico) nell'aci per un po' di ore. O bastano i fatidici 6 minuti?

Uno stralcio dal Libro del Biologo Josef Pies:
"Si legge in continuazione che l'argento colloidale uccide i batteri nel giro di sei minuti. Come spesso accade, un giorno qualcuno ha citato questo numero che da quel momento è stato adottato da numerosi autori. Probabilmente deriva da un'affermazione fatta da Henry Crookes nel 1914: «Non conosco nessun microbo che negli esperimenti di laboratorio non venga ucciso nel giro di sei minuti» [citato in Jefferson, 2003]. Questo dato non andrebbe preso troppo alla lettera: l'effetto può anche richiedere tempi più lunghi. Gibbs per esempio ha testato varie sospensioni di argento, scoprendo che alle migliori occorreva quasi un' ora e mezza per ridurre a dieci 500 colonie di batteri. Questo risultato non dovrebbe tuttavia spaventarci: quello che conta in definitiva è il fatto che l'argento colloidale funzioni."

Re: Esperienze di Antonio55

MessaggioInviato: 17/03/2012, 1:50
da Ale76
"Si legge in continuazione che l'argento colloidale uccide i batteri nel giro di sei minuti. Come spesso accade, un giorno qualcuno ha citato questo numero che da quel momento è stato adottato da numerosi autori.


In effetti avevo il dubbio che questo fatto dei sei minuti fosse una bufala, altrimenti a 6 minuti dall'assunzione tutti guarirebbero da tutto.

Questo risultato non dovrebbe tuttavia spaventarci: quello che conta in definitiva è il fatto che l'argento colloidale funzioni."


Assolutamente! Non vedo perchè dalla penicilina e dagli antibiotici ci aspettiamo di guarire in 5/7/10 giorni e dall'argento ci aspettiamo il miracolo immediato!