Argento Colloidale Ionico in postoperatorio

Su questo Forum possiamo discutere di tutto ciò che riguarda l'Argento Colloidale Ionico.

Moderatori: Admin, ANTONIO55

Argento Colloidale Ionico in postoperatorio

Messaggioda youcant » 16/04/2015, 21:20

Buonasera a tutti :)

Mi sono recentemente sottoposto a un piccolo intervento chirurgico superficiale che ha richiesto dei punti di sutura;
ahimè, non assumo di buon grado antibiotici e medicinali in generale, quando posso cerco di appellarmi unicamente alla medicina "alternativa", ma vivendo ancora con i miei genitori in questo caso ho preferito evitare una battaglia dalla quale sarei certamente uscito sconfitto :lol:
unitamente a quanto prescritto dal medico, però, ho scelto di applicare in loco e sulla garza attorno ai punti delle gocce di argento colloidale ionico 20ppm, della VonDerWeid.
Stasera, eseguendo la seconda medicazione della giornata, ho notato (nella tumefazione generale) delle piccole aree che tendono al grigiastro: sono convinto che siano dovute appunto alla tumefazione, ma volevo ugualmente chiedere se è possibile, attraverso l'utilizzo topico di ACI, rischiare che si macchi irrimediabilmente la pelle.
Leggendo un po' in rete mi è parso di capire che l'argiria capita solo in caso di sovradosaggio e soprattutto solo in caso di uso interno ma volevo delle eventuali conferme :)

Saluti

P.S. Assumo anche anche 70 gocce di aci al giorno, 35 di mattina e 35 di sera.
Il tutto solamente da ieri!
Federico
youcant
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 15/04/2015, 19:37

Re: Argento Colloidale Ionico in postoperatorio

Messaggioda ANTONIO55 » 17/04/2015, 8:24

Non conosco quel prodotto, ma non dovrebbero esserci problemi.
L'argiria è piuttosto improbabile utilizzando argento colloidale ionico che è trasparente a meno di utilizzare un prodotto scadente e pieno di scorie (idrossidi di AgOH).
Utilizzando l'argento colloidale come disinfettante/antibiotico si ottengono risultati molto più efficaci dei disinfettanti tradizionali, in quanto le particelle di argento stimolano le cellule staminali per una rapida ricrescita evitando antiestetiche cicatrici.
Sul forum usiamo da molti anni colloidi trasparenti sia ionici che particellari e per quanto mi risulta (dal 2006 ad oggi) non ci sono mai stati problemi di alcun genere.
L'unica cosa che posso dire in base alla mia esperienza di sperimentatore/autoproduttore è che il metodo ionico fino a qualche tempo fa non permetteva di produrre argento ionico oltre le 13 ppm in quanto superando tale soglia le particelle di Ag+ tendono ad agglomerarsi in cluster più grandi (e quindi meno efficaci) e a colorare il prodotto finale da giallo paglierino a grigio scuro, anche a causa degli idrossidi di argento che si staccano dagli elettrodi al superamento della soglia critica.
Ultimamente il Ferioli è riuscito a superare il problema con una trovata geniale, inserendo un telaietto di teflon nel contenitore dove avviene l'elettrolisi, bloccando gli elettrodi sulle pareti del vaso affinché gli elettrodi non si sporchino lateralmente e anche nella parte posteriore, dove avvengono comunque delle reazioni chimiche.
Solo per curiosità: Il colloide che hai acquistato è trasparente o è colorato?
Antonio
Avatar utente
ANTONIO55
 
Messaggi: 675
Iscritto il: 16/06/2010, 14:13
Località: Roma

Re: Argento Colloidale Ionico in postoperatorio

Messaggioda youcant » 17/04/2015, 11:51

Buongiorno Antonio, grazie per la tempestiva risposta!
L'aci che ho acquistato mi sembra di buona qualità, è trasparente, inodore e praticamente insapore; l'ho acquistato da un'amica erborista molto preparata: mi ispira fiducia già il semplice fatto che lo commerci.
Ho chiesto dell'ACI in 2 farmacie e 4 erboristerie; le due farmaciste mi hanno guardato come se avessi urlato il nome di Lucifero in chiesa e le altre tre erboriste (escludendo la quarta che appunto me l'ha venduto) non erano a conoscenza del prodotto o mi hanno suggerito di cercare in parafarmacia.

Ho anche acquistato online un ACI 40ppm della Flowers of Life che sta usando la mia ragazza per curare delle verruche e sembra essere lento ma efficace (considerando inoltre che attualmente ha un sistema immunitario molto debilitato causa stress e cattiva alimentazione), ma di questo parlerò più approfonditamente su un altro topic quando, mi auguro, il virus sarà stato debellato :)
Federico
youcant
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 15/04/2015, 19:37

Re: Argento Colloidale Ionico in postoperatorio

Messaggioda ANTONIO55 » 17/04/2015, 13:23

Ok Federico,
allora prosegui nell'utilizzo senza problemi.
E' abbastanza comune l'atteggiamento dei farmacisti che non hanno ancora preso in considerazione l'argento colloidale ionico, pur conoscendo i prodotti a base di argento proteinato come il Protargol che usano da molti anni nelle nurcery per evitare le infezioni ai bambini al momento del parto.
Dovrà ancora passare tempo prima che la situazione cambi, noi intanto attrezziamoci come possiamo. :)
Antonio
Avatar utente
ANTONIO55
 
Messaggi: 675
Iscritto il: 16/06/2010, 14:13
Località: Roma


Torna a Argento Colloidale Ionico

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron